(Tell me the truth) n.5

aprile 29, 2012

“La scienza vincerà perché funziona.”

Annunci

Tutte le cose del mondo
mi strizzano l’occhio
e volgono al peggio.

(tell me the truth) n.4

aprile 21, 2012

Era quello il genere di bugia che speravo di non dover mai più dire, il disprezzo che mi auguravo di non dover mai più mostrare, quello per le cose davvero importanti per me. E per evitarlo, dovevo in pratica stare alla larga dalle persone di mia conoscenza.

[…]

Scattava un pericolo, ogni volta che tornavo a giocare in casa. Era il pericolo di guardare alla mia vita attraverso occhi che non fossero i miei. Di vederla come una crescente matassa di filo spinato fatto di parole, intricate, angosciose, sconcertanti, messe a confronto con la cornucopia di cibo, di fiori, di lavori a maglia, della fatica domestica delle altre donne. Diventava più duro sostenere che ne valesse la pena.
La mia pena sì, forse, ma che dire di quella degli altri?

Hateship, Friendship, Courtship, Loveship, Marriage. Alice Munro.

(afasia) n.5

aprile 16, 2012

(radioshow) n.20

aprile 11, 2012

(Sorry for the clip show.)

(tell me the truth) n.3

aprile 8, 2012

Oisive jeunesse
A tout asservie
Par délicatesse
J’ai perdu ma vie.

(Ennet House) n.4

aprile 7, 2012

So con certezza che ci sono persone nel mondo che non fumano, non bevono e non seguono il calcio, eppure non si ammazzano.

Tra virgolette, in corsivo: quella cosa che dice (o cita) Yates (o qualcun altro) sulla capacità dell’uomo di suddividere il tempo in segmenti, sul fatto che questa capacità sia una fonte quasi inesauribile di consolazione.

Un piccolo sondaggio (mi ripeto): ma secondo voi quelli che rifiutano ostinatamente la grazia degli stati mentali alterati, la manipolazione chimica delle endorfine e le occasioni di esultanza eteroindotta, come fanno?

(radioshow) n.19

aprile 1, 2012

(ma se non sei per strada, gentile lettore, non ha alcun senso che tu l’ascolti. per il resto, va bene una strada qualsiasi. enjoy.)

(p.s. si accettano proposte di matrimonio, se accompagnate da un biglietto di ingresso per tutto ciò. J.V.D.)