(retroscena) n.0

novembre 6, 2012

Lei mente: l’aria non è così fredda
e i suoi vestiti non sono bagnati.
C’è ancora tempo. Domani
sarà ancora lì.
Oggi gela, ieri stava bruciando.

Le volte che ha invocato aiuto.

Ma chiedile quante volte non è morta,
alla fine: ogni volta
che non stava mai morendo.

E’ la verità. E la sentirai lamentarsi:
dello schianto del sangue del silenzio
dei tradimenti della solitudine e del pianto.
Banalmente. Ma è una bigiarda e non è vero
che non vede
o non ricorda
o non sa
di essere al mondo.

E non è possibile sentire il rumore
dei denti che marciscono.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: